Il lupo cattivo… che è in noi! (10/3/2010)


 

(BRANO TRATTO DA “CHIA HA PAURA DEL LUPO CATTIVO” Di Cesare Musatti 
musatti“Ricordate il bambino che è in stato di disagio con se stesso, perché in qualche modo si è messo in contrasto con i propri genitori, ed ha creato una situazione di conflitto con loro, senza sapere poi come uscirne, per ristabilire un’atmosfera di serenità, in cui potersi sentire protetto dai familiari e liberato dall’interiore disagio? Lo ricordate quel bambino? Che piange, e che al padre e alla madre che cercano di pacificarlo, dice fra le lacrime: «Sono cattivo, sono cattivo!».
Sono situazioni che ricordo, perché da bambino facevo cosi anch’io.
Ma questo lo fanno pure gli adulti. I fanciulli hanno la mamma e il padre che rassicura no, e il piccolo, quando ha ritrovato la protezione dei genitori, liquida il proprio dramma. Ma gli adulti?
Gli adulti si comportano come il bambino cattivo, abbiamo detto; ma senza i genitori che vengano a pacificarli…, si pensi dunque al bambino che si lamenta di essere cattivo e ha paura, ed al fatto che siamo un po’ tutti come lui. Abbiamo paura di ciò che dentro di noi contrasta con una certa immagine che ci siamo fatti della nostra persona.
Le altre paure vengono dall’esterno e ce ne difendiamo come ci è possibile.
Ma ognuno ha dunque timore anche di se stesso, di un se stesso che può essere più superficiale o più profondo, più dominabile ed esplorabile, o meno accessibile ad una esplorazione. Quello che sta li in agguato, il lupo cattivo, e che …. è pronto a far scatenare l’angoscia, la quale minaccia di travolgere ciascuno, e di avvelenare a ciascuno l’esistenza.
Ma dove è questo lupo cattivo? E chi è propriamente il lupo cattivo? Dentro di noi abbiamo detto. Ma come?… Se consideriamo le fobie di cui abbiamo parlato, sembra che il lupo sia prevalentemente da individuare negli istinti, e dunque nell’Es.
Ma nelle forme ossessive, minaccioso è l’insieme dei nostri impulsi istintivi, ma contemporaneamente anche l’istanza normativa, il Super-io, che impone coattivamente tutte le manovre con le quali dall’Es l’individuo si difende.
E ancor più evidente è l’azione del Super-lo nella paranoÌa. La persecuzione che il paranoico avverte nella realtà ésterna è una proiezione della minaccia di punizione derivante dal Super-lo.
Cosi come è una istanza etica, collocata nel SuperIo, quella che produce la ricerca di una punizione in coloro che abbiamo chiamati delinquenti per senso di colpa.
Questa posizione ambigua della minaccia che ci sovrasta, e che abbiamo qui chiamata lupo cattivo, si ritrova, in verità, anche nella fiaba di Cappuccetto Rosso. Vi è là infatti il lupo travestito da nonna, con la cuffia in testa e gli occhiali sul naso. È dunque una commistione del lupo (l’Es appunto) e della stessa Nonna (il Super-Io, custode della tradizione familiare).
Del resto, anche nelle concezioni tradizionali del pensiero religioso si trova l’angelo custode (sulla spalla sinistra della persona), il Super-Io dunque, che protegge dalle tentazioni. Ma anche il diavoletto inseritosi nel corpo, a contatto con i visceri (cosi come Freud dice dell’Es, in diretta comunicazione con gli elementi della realtà corporea). Quel diavoletto che deve essere esorcizzato (ex ore), cioè tirato fuori dal corpo attraverso la bocca.
Diavoli ed angeli sono però esseri di egual natura. E Lucifero, il principe degli angeli, diventa… il demonio per eccellenza, nel fondo del baratro infernale. L’ambiguità che sorge per localizzare il lupo cattivo, di cui abbiamo paura, si complica per una nuova circostanza. Queste che abbiamo chiamate istanze psichiche, l’Es e il Super-Io, non sono per nulla fattori semplici e coerenti. Il Super-lo, in particolare, è il prodotto di successive sedimentazioni. Non si tratta soltanto dell’autorità genitoriale interiorizzata; ma di tante successive autorità che vengono a costituire strati sovrapposti dello stesso Super-Io. “

 

I commenti sono chiusi.