IL COLLOQUIO

E’ lo “strumento” di lavoro per lo psicologo.

elettricita

 

Il colloquio permette di intervenire prima che determinate situazioni, complicandosi, diventino ingestibili e ulteriormente “dolorose”, in altri casi aiuta a ritrovare un nuovo equilibrio.
L’ incontro con lo psicologo richiamana termini quali, informazione, formazione, autocoscienza, conoscenza, gestione delle emozioni. Il mio approccio al colloquio si basa su tre diverse modalità.

 

 L’APPROCCIO ALLA PERSONA

 il colloquio è indirizzato al supporto e al sostegno personale in situazione di ansia, angoscia o dolore, cagionevoli ad una “normale e serena” qualità della vita nella famiglia, nel posto di lavoro, di studio o nelle relazioni sociali.

Conoscere se stessi

 la propria storia 

Ricercare un equilibrato rapporto con il proprio corpo

Governare l’ansia, le paure, i dubbi

 Pensare al futuro

 Affrontare le curiosità e le difficoltà  anche quelle

“apparentemente  banali” 

 del proprio vivere.

 Un colloquio ‘attivo’ per ricostrure assieme ‘antichi’ percorsi

e

verificare i futuri.

eletricita-03

L ’APPROCCIO AL CONTESTO

Parte  dalla conoscenza di situazioni ricorrenti nella vita di tutti i giorni  per approfondirne gli aspetti cognitivi, emozionali e comportamentali, una

 “psicologia della storia quotidiana”

La coppia

 I figli, la loro crescita

  Il rapporto con il mondo scolastico.

Viene considerato anche l’intervento in situazioni

traumatiche e d’emergenza

di marginalità

 ’disadattamento’

  con particolare riferimento  all’età dello sviluppo.

Decontestualizare le situazioni e porle in diversa prospetttiva.

eletricita-031

L’APPROCCIO CONOSCITIVO

Affronta i temi generali della psicologia attraverso

 i grandi maestri
e le situazioni sperimentali classiche.
Permette una conoscenza di principi e metodiche utili

alla gestione delle proprie problematiche

 Uno stimolo intellettuale

La conoscenza

 come strumento di cambiamento.

elettricita-02